[kad_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=wFp5tLucdKI&feature=share” ]

Vladimir Hudolin (Ogulin, 2 maggio 1922 – Zagabria, 26 dicembre 1996) fu un neurologo, psichiatra e docente universitario jugoslavo

Già direttore della clinica di neurologia, psichiatria, alcologia e altre dipendenze dell’ospedale universitario di Zagabria e titolare della cattedra di neurologia, psichiatria e psicologia medica dell’Università di Zagabria. Nel 1952 sposa la sua assistente, la Dott.ssa Visnja Hudolin, che lavorerà e insegnerà al suo fianco durante tutta la carriera scientifica, contribuendo alla definizione e la diffusione della metodologia.
Vladimir Hudolin è stato uno dei massimi esperti mondiali sui problemi alcol correlati.
Infatti, oltre ad essere stato membro del gruppo di esperti per l’alcolismo e le altre dipendenze dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, è stato anche presidente dell’associazione mondiale di psichiatria sociale e dell’associazione mediterranea di psichiatria sociale. Ha pubblicato oltre 60 testi scientifici e oltre 500 articoli sui temi dell’alcolismo, della psichiatria sociale, del lavoro di comunità e sulla necessità di cambiare la cultura sociale e medica, riferita a questi settori.
All’inizio degli anni novanta del secolo scorso è stato candidato, dalle organizzazioni delle associazioni dei Club degli Alcolisti in trattamento, al premio Nobel per la Pace. Partendo dall’esperienza della cura psichiatrica tradizionale dell’alcolismo e degli altri problemi alcol correlati, a partire dagli anni cinquanta del secolo scorso, Hudolin introdusse i principi della terapia familiare sistemica e, successivamente, la filosofia e le metodologie della comunità terapeutica così come elaborata in Gran Bretagna dallo psichiatra Maxwell Jones.
Hudolin progressivamente favorì un processo di de istituzionalizzazione e de medicalizzazione della cura dei problemi alcol correlati, arrivando, il 1º aprile del 1964, ad inaugurare il primo club degli alcolisti in trattamento a Trieste. Tale percorso lo porterà, nel 1986, a proporre un approccio di cura delle problematiche legate all’alcol prevalentemente centrato sull’azione dei Club degli alcolisti in trattamento con una forte enfasi sulle potenzialità delle famiglie con problemi alcol correlati impegnate nel processo di cambiamento personale e tese verso l’obiettivo strategico di cambiare la cultura generale e sanitaria della comunità. Il passaggio da una cura centrata sull’ospedalizzazione e sulle competenze professionali ad un intervento focalizzato sulla responsabilizzazione e sulle capacità di cura reciproca tra le famiglie che condividono una comune esperienza, viene giustificato concettualmente da Hudolin con l’affermazione che l’alcolismo non può essere considerato una “malattia” ma un particolare modello comportamentale, uno stile di vita che riguarda non solo il cosiddetto “alcolista” ma tutta la famiglia e la comunità locale di appartenenza.
In questo senso, i problemi alcol correlati vengono interpretati come un particolare fenomeno l’eziologia del quale non può essere ricercata soltanto nei fattori individuali dell’alcolista (componenti genetiche, strutture di personalità, modelli educativi introiettati), ma come il risultato dell’interazione continua tra questi elementi e gli altri fattori (familiari e sociali). Di fatto, si afferma che non è possibile stabilire una chiara eziologia dei problemi alcol correlati e non è dunque pensabile neppure individuare una metodologia di trattamento che favorisca un particolare fattore eziologico. Viene, quindi, proposto di abbandonare un paradigma medico di tipo tradizionale per abbracciare un’ampia visione sistemica che Hudolin, probabilmente influenzato anche dai documenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, denominerà “approccio ecologico – sociale ai problemi alcol correlati e complessi”.
Dal 1978 Vladimir Hudolin ha insegnato presso la Scuola Superiore di Servizio Sociale di Trieste ed ha diretto centinaia di corsi su tutto il territorio italiano per sensibilizzare gli operatori professionali e la popolazione sui problemi alcol correlati. Tale sua opera ha favorito la nascita di un’ampia rete di Club degli Alcolisti in Trattamento che, nel 2006, ammontano a circa 2500 distribuiti su tutto il territorio nazionale. Inoltre, i Club sono attivi e diffusi in quasi tutti i continenti del mondo.
E’ morto a Zagabria il 26 Dicembre 1996.
La moglie Visnja è deceduta diversi anni dopo, il 13 Aprile 2008, nella stessa città.